Pagina 1 di 1

Analisi grafologica

MessaggioInviato: 21 apr 2008, 11:09
di fausto biondo
Ai fini dell'impostazione di un'analisi grafologica,ancorchè a livello principiante (quale io sono),può essere d'ausilio l'utilizzo anche della tabella di quantificazione proporzionale dell'atteggiamento dilatato/retratto,come indicato dal Palaferri nel trattato "L'indagine grafologica e il metodo morettiano" (pag.587)?
Grazie e a presto
Fausto

:oops:

Re: Analisi grafologica

MessaggioInviato: 22 apr 2008, 17:11
di guido
La tabella proposta da Palaferri, che purtroppo ci ha lasciati il 20/4/2008 (si tratta di una grave perdita per la grafologia), al pari di altre proposte dallo stesso autore, è utile ai fini dell’indagine longitudinale della personalità e, qualora, si intenda standardizzarne gli esiti.
In altre parole, la tabella cui si fa riferimento, che consente di ricavare delle percentuali e di tracciare dei grafici, può essere utile quando si intende verificare, in un modo che possa essere considerato obiettivo, il grado di evoluzione o di involuzione di una personalità, considerata nel decorso del tempo. In genere, si considerano campioni relativi a periodi significati della vita dello scrivente.

Le normali analisi grafologiche di personalità, invece, non richiedono una simile precisione di tipo statistico – matematico. Ad esempio, nel caso concreto dell’atteggiamento dilatato/retratto, citato nel quesito, si possono utilizzare tranquillamente le combinazioni complesse relative al continuum allocentrismo-egocentrismo.